TORTA CIOCCOLATO E PERE…mmm che bontà!

04 Ott 2014
Difficoltà:

Tempo:

Stamani mi sono alzata come ogni mattina alle 7:30 ma oggi con l’intenzione di augurarvi un ottimo week end con questa torta golosa!!!

Ci sono momenti che la Gola richiede il cioccolato, se mangiato da solo non mi entusiasma, non mi ritengo una cioccolata-dipendente, ma, alcuni giorni fa a Pistoia dopo un giretto mattutino a comprar lane e il pane mi sono imbattuta in una torta spettacolare.
Quando sono entrata nel negozio di alimentari, già lei era lì che rapiva la mia attenzione, poi, scherzando con la ragazza al bancone e smorzando l’atmosfera per un discorso spiacevole che l’altra commessa elargiva ai clienti in attesa di esser serviti, del tipo “avessi avuto un nipote così io gli avrei già tirato due lattoni (i lattoni sono gli schiaffi qui da noi) al secondo mugolio avrebbe smesso!!!” insofferente di natura ai discorsi di coloro che giudicano con l’arroganza tipica di “saper far tutto loro”, ho frenato la rabbia che la tipa mi avrebbe, a cose normali, scatenato, e ho scherzato con l’altra commessa su questa torta deliziose che sembrava mi dicesse “comprami!”. Non li sopporto i discorsi di gente così, non conosco quella nonna né il nipote, ma, secondo me, bisogna sempre guardare le situazioni e capirne il motivo, prima di sparare a zero su una nonna, che alla fine non fa altro che aiutare una figlia  che magari è a lavoro o ha da fare che ne so, ma chi siamo noi per colpevolizzare e martorizzare con parole così forti una persona? La cattiveria gratuita io non la sopporto e quando dalla bocca della tipa sono uscite queste parole dette con disprezzo, beh ho subito pensato che il problema non fosse nel bambino ma il problema era in lei, in quella signora intollerante, forse era stata morsa da una tarantola???? ahahahhah va beh a parte queste parentesi sul “So tutto io dei bambini” parliamo di dolci!
Tornata a casa me la sono mangiata, anzi mi sono persa in tanto piacere, affondando i denti in quello strato soffice di tutto-cioccolato trovando la freschezza in morbide pere. Non ho mai amato la torta cioccolato e pere, ma devo proprio ricredermi, ho provato a fare questa ricetta, non è uguale a quella che avevo sentito, ma è favolosa anche questa e vi assicuro…in casa dura poco!!!
Buon week end, io domani sarà al mio SHOWCOOKING da Florenzi Casa a Olmi dalle h.16:00 alle h.19:00 devo dire che sono piuttosto agitata, ma spero di vedere tante facce amiche nel pubblico in modo che la mia “prima volta” sia Fantastica!!!!!!!!!!!!!Se siete delle mie parti….venite è?!?!!?
La prossima settimana vi racconterò….
Ingredienti:
1 lt di acqua
525g di zucchero
4 pere
220g di cioccolato fondente al 70%
75g di farina 00
7 uova
1 cucchiaino di lievito per dolci
125g di burro
Procedimento:
Per prima cosa private le pere della buccia e del torsolo tagliandole a metà. Portate ad ebollizione l’acqua con 375g di zucchero e immergete le pere nello sciroppo cuocendole per 15 minuti. Dopodichè scolatele e lasciatele su una griglia.
In una ciotola mettete il burro morbido (temperatura ambiente) col restante zucchero (150g) fino ad ottenere un composto cremoso.
A bagnomaria sciogliete il cioccolato spezzettato, a questo punto unitelo alla crema di burro (il cioccolato non deve essere bollente quando lo unite).
Dopodichè unite anche i tuorli, setacciate la farina col lievito e amalgamate il tutto con una spatola avendo cura di fare movimenti regolari dal basso verso l’alto. A parte con un pizzico di sale (che aiuterà a montare meglio) montate gli albumi e unite anche questi al composto, ma in 3 volte e sempre con movimenti dal basso verso l’alto.
Imburrate uno stampo con cerniera 24cm, se volete potete mettere carta forno sulla base, disponete le pere a “pancia sotto” e coprite con l’impasto.
Cuocete 50 minuti a 180°C in forno preriscaldato.
Una volta raffreddata la vostra torta capovolgetela e guarnite l’interno delle pere con cioccolato fondente 70% tritato.
Bon appètit!

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

Eccetera

Risotto piselli e gamberi

Difficoltà:

facile

Tempo:

30 minuti

Il pane quotidiano, Secondi piatti

Piadina mon amour

Difficoltà:

Facile

Tempo:

5 minuti

Primi piatti

Vellutata di asparagi e polpo grigliato

Difficoltà:

Facile

Tempo:

2 ore